Difendersi "naturalmente" dai radicali liberi

Autore:
Redazione
23/11/2015 - 16:05

È ormai di comune diffusione il concetto secondo il quale bisogna proteggere il nostro organismo dai radicali liberi. Ma cosa sono i radicali liberi? E perché bisogna difendersi?

I radicali liberi sono entità chimiche caratterizzate da un’elevata reattività. Sono atomi e molecole che vengono normalmente prodotti dal nostro organismo durante i processi metabolici che fisiologicamente avvengono all’interno delle nostre cellule e anche le semplici funzioni vitali (respirare, mangiare e muoversi)  ne causano la formazione di nuovi. Una volta prodotti, a causa della loro natura instabile, tendono a reagire con le altre molecole dando origine a delle vere e proprie “reazioni a catena” che rischiano di danneggiare le strutture cellulari circostanti. In particolare si tratta di reazioni di ossido-riduzione, per questo si parla di “stress ossidativo”.

Nelle condizioni fisiologiche il nostro organismo è in grado di neutralizzare i radicali liberi e di “proteggersi” da essi, grazie all’attività di alcuni enzimi, come ad esempio la superossido dismutasi e la glutatione perossidasi che agiscono inibendo il precoce invecchiamento delle cellule e dei tessuti. Tuttavia tali meccanismi di difesa endogeni possono risultare insufficienti a fronteggiare la quantità di radicali liberi presenti, mantenuta elevata dai diversi fattori esterni in grado di incrementarne la formazione. Si tratta soprattutto di inquinamento, fumo sia attivo che passivo, assunzione di alcol e di farmaci, esposizione alle radiazioni solari, specialmente senza protezioni e stress psico-fisico.

Come è possibile rimediare? Per prima cosa sarebbe utile evitare di esporsi ai fattori esterni sopracitati e quindi ridurre l’assunzione di alcol e farmaci, proteggere la propria pelle con schermi SPF elevati durante l’esposizione ai raggi solari, eliminare il fumo di sigaretta.

È possibile aiutare il nostro organismo a neutralizzare i radicali liberi in eccesso integrando la nostra dieta con determinati alimenti caratterizzati da spiccate proprietà antiossidanti.

Le migliori fonti alimentari di antiossidanti sono in generale i frutti, ed in particolare  i frutti di bosco (mirtilli, lamponi, more, ribes rosso e nero), l'uva rossa, l'arancia rossa, il melograno, la papaya, il kiwi, l’avocado. Tra le verdure e gli ortaggi più ricchi di sostanze antiossidanti ricordiamo invece i pomodori, gli spinaci, i broccoli, i cavolfiori e le carote. Inoltre assumere le giuste dosi di vino rosso, tè verde, ed olio d’oliva, può fornire al nostro corpo le utilissime molecole in grado di contrastare i radicali liberi.

Questi sono solo alcuni degli alimenti ricchi di antiossidanti naturali ed inserirli nella nostra dieta renderà più semplice la battaglia che le nostre cellule quotidianamente combattono contro lo stress ossidativo. Le molecole antiossidanti contenute in questi alimenti sono di natura differente e si tratta nello specifico di vitamina C, vitamina E, vitamina A, omega-3, resveratrolo, licopene, selenio, coenzima Q10, beta-carotene, flavonoidi. Conoscerli è importante per alimentarsi nella maniera più corretta ed eventualmente per sapere a quali degli innumerevoli integratori alimentari presenti in commercio fare riferimento, sempre dietro consiglio del medico o del farmacista.

 

Articolo scritto da Alice Mirenna

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci