Allarme Rosso

La pioggia incessante pervade ogni angolo disseminando distruzione e morte.

Ci scrolla con veemenza dal torpore e dalla indifferenza verso gli sconvolgimenti climatici di cui tutti, seppure in misura diversa, siamo colpevoli. Ci getta in faccia i danni e i rischi. Ci sollecita a ridisegnare l'economia, gli stili di vita e l'utilizzo del suolo. Ci sprona al recupero e alla ristrutturazione degli edifici e alla manutenzione di strade e ponti, per garantire sicurezza.

Penso in particolare a chi vive del lavoro dei campi che non raccoglierà il frutto dei propri sacrifici, a chi vive nell'indigenza e in condizioni di precarietà assoluta; penso soprattutto a loro perché pagano più degli altri le conseguenze sebbene le loro responsabilità siano decisamente minori.

Le logiche del capitalismo stanno mostrando tutti i loro limiti e si stanno rivelando pericolose per la sopravvivenza.

Una profonda opera di revisione e cambiamento si impone, per noi e per le generazioni future.

È inutile contare i danni o limitarsi a una narrazione enfatica sui social se poi, dopo le piogge torrenziali, nulla cambia.

Basta parole, solo azioni e fatti!

 

(Marisa Falcone, Direttore Editoriale de ilpapaverorossoweb)