Dagli stalli rosa al parcheggio gratuito per persone con disabilità sulle strisce blu: tutte le novità

Autore:
Redazione
08/09/2021 - 01:51

Glistalli rosa”, cioè i parcheggi riservati per le donne in gravidanza, entrano nel Codice della Strada, aumentano le sanzioni per chi occupa i parcheggi riservati senza autorizzazione, fondi a Regioni per potenziare i controlli sui mezzi pubblici al fine di attuare le linee guida, accelerazione degli investimenti per la sicurezza delle infrastrutture ferroviarie e delle dighe, una nuova procedura per orientare gli investimenti finalizzati a ridurre le disuguaglianze territoriali in termini di dotazione infrastrutturale.

Sono queste alcune delle novità contenute nel decreto Infrastrutture e Trasporti approvato qualche giorno fa dal Consiglio dei Ministri. Nel provvedimento è prevista anche l’istituzione del “Centro per l’Innovazione e la Sostenibilità in Materia di Infrastrutture e mobilità” (CISMI) per supportare le funzioni del Ministero e la realizzazione dei progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

«Il provvedimento, in coerenza con la nuova visione del Ministero e le strategie del Governo, semplifica le procedure per gli investimenti nelle infrastrutture, migliora la sicurezza e il funzionamento dei trasporti, tutelando maggiormente i diritti alla mobilità delle persone con disabilità e delle donne in gravidanza», ha detto il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini. «Per sostenere l’attuazione del PNRR alla luce dei processi di innovazione in atto nei settori di nostra competenza viene istituito all’interno del MIMS un Centro di ricerca e di sviluppo nel settore della sostenibilità delle infrastrutture e della mobilità, dell’innovazione tecnologica, con conseguente immissione di un nucleo di ricercatori e tecnologi che contribuiranno ad aumentare la qualità delle politiche di competenza del Ministero», ha aggiunto il Ministro.

Tra le modifiche al Codice della Strada si segnala dunque l’introduzione deglistalli rosadedicati alle donne in gravidanza e ai genitori con figli fino a due anni, e la facoltà per i Comuni di riservare posti di sosta, a carattere permanente o temporaneo, oltre che ai veicoli adibiti al trasporto delle persone con disabilità, anche ai veicoli elettrici, ai veicoli per il carico e lo scarico delle merci nelle ore stabilite e al trasporto scolastico.

Il decreto prevede poi un rafforzamento delle sanzioni per chi occupa gli stalli rosa e altri parcheggi riservati senza essere autorizzato: ad esempio, vengono raddoppiate le multe per chi parcheggia negli spazi riservati alle persone con disabilità e la nuova sanzione sarà compresa tra 168 e 672 euro (attualmente va da 87 a 344 euro).

Nel provvedimento sono anche previsti incentivi ai Comuni per consentire la sosta gratuita alle persone con disabilità dotate di contrassegno auto all’interno delle strisce blu nel caso lo stallo riservato risulti occupato. La misura finora era applicata solo discrezionalmente da alcuni Comuni: con il nuovo decreto, invece, le persone con disabilità dotate del contrassegno auto potranno utilizzare gratis le strisce blu in tutta Italia, evitando così la seccatura di doversi informare di volta in volta per capire se la misura è attiva nel luogo in cui intendono usufruirne.

Multe più care sono previste anche per chi sosta illegittimamente nelle aree perdonali urbane. Infine, gli interventi sulla micromobilità (si parla, ad esempio, di casco obbligatorio e di patente e assicurazione per guidare i monopattini elettrici) saranno concordati in sede parlamentare in occasione della conversione in legge del decreto.

 

Foto di copertina: Pixabay

 

Leggi anche i seguenti articoli

www.ilpapaverorossoweb.it/article/monopattini-chi-li-utilizza-non-conosce-le-regole-che-andrebbero-seguite-strada

www.ilpapaverorossoweb.it/article/pass-auto-disabili-catania-procedure-semplificate-online

www.ilpapaverorossoweb.it/article/palermo-lapp-segnalare-le-auto-che-occupano-abusivamente-gli-stalli-riservati-alle-persone

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci