Università di Palermo, eseguito innovativo trattamento di talamotomia transcranica

Autore:
Redazione
15/06/2022 - 19:10

Negli ultimi anni la terapia di alcuni disordini neurologici mediante l’uso di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità guidati da Risonanza Magnetica o MRgFUS (acronimo anglosassone per Magnetic Resonance guided Focused Ultrasound) si è sempre più diffusa in Italia offrendo a pazienti con tremore essenziale, tremore in malattia di Parkinson e dolore neuropatico una efficace e sicura alternativa alle più comuni tecniche chirurgiche invasive.
Questa innovativa tecnica prevede l’utilizzo di un’apparecchiatura di Risonanza Magnetica per il monitoraggio della procedura e sfrutta le caratteristiche fisico-meccaniche degli ultrasuoni che, se focalizzati in un punto, sono in grado di generare un netto aumento della temperatura nei tessuti biologici con conseguente morte cellulare (termoablazione). Sono questi dei trattamenti non invasivi: non necessitano di alcuna incisione chirurgica visto che gli ultrasuoni possono attraversare i nostri tessuti non arrecando alcun danno agli stessi se non nel punto su cui essi vengono focalizzati. Quello che si sfrutta è il medesimo effetto che possiamo riprodurre con una comune lente di ingrandimento focalizzando i raggi solari su un foglio di carta velina. Per questi motivi l’MRgFUS è sempre più spesso considerata una valida alternativa a procedure chirurgiche ben più invasive e conseguentemente meno tollerate dal paziente.
La prima apparecchiatura MRgFUS per il trattamento di disordini neurologici è stata installata in Italia a fine 2014 presso la Radiologia del Policlinico Universitario Paolo Giaccone di Palermo, grazie ad una collaborazione tra l’Università degli Studi di Palermo e l’Università di Roma “Sapienza” nel contesto del Programma Operativo Nazionale 2007-2013.

 

«Oggi il nostro è un centro di riferimento per la terapia mediante ultrasuoni focalizzati (FUS) in ambito neurologico grazie ad un’équipe multidisciplinare di specialisti che include oltre che neuroradiologi, tecnici sanitari di radiologia medica ed infermieri afferenti all’U.O. di Diagnostica per Immagini dell’A.O.U.P. Paolo Giaccone diretta dal professor Giuseppe Brancatelli, ricercatori afferenti al Dipartimento di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica Avanzata dell'Università di Palermo quali neurologi coordinati dal professor Marco D’Amelio e neurochirurghi coordinati dal professor Domenico Iacopino. Il gruppo si avvale, inoltre, della collaborazione dei colleghi fisici coordinati dal professor Maurizio Marrale del Dipartimento di Fisica e Chimica con i quali sono state messe a punto delle tecniche di analisi delle immagini di Risonanza Magnetica in grado oggi di predeterminare con maggiore precisione la sede ottimale del trattamento rendendolo ancora più personalizzato», spiega il professor Cesare Gagliardo, neuroradiologo che esegue le procedure presso il Policlinico Universitario di Palermo.

 

«Recentemente è stato effettuato un trattamento di talamotomia monolaterale in un paziente ultranovantenne con tremore essenziale altamente invalidante il cui risultato riassume il sinergico sforzo sostenuto in questi anni dall’équipe multidisciplinare. In poco più di un’ora siamo riusciti a restituire al paziente la possibilità di vivere una quotidianità negatagli dalla più giovane età. Tanto che il paziente ci ha già chiesto se e quando potrà effettuare il medesimo trattamento per eliminare il tremore dell’altra mano. La procedura è stata ben tollerata dal paziente; non è stato riportato alcun effetto collaterale intra- o post-operatorio dimostrandosi sicura ed efficace anche nei pazienti più fragili che potrebbero di contro non essere candidabili a procedure chirurgiche convenzionali che necessitano ad esempio di anestesia generale e che sono associate a noti rischi procedurali quali emorragie, ischemie ed infezioni, tutte virtualmente assenti con la FUS», conclude il professor Gagliardo.
«Mi congratulo con il nostro team di ricercatori che ha ottenuto questo ennesimo eccellente risultato. Negli anni passati si è tanto investito in questa tecnologia presso la Radiologia del Policlinico Universitario e a breve sarà applicata sperimentalmente anche alla cura dei tumori cerebrali più aggressivi e della demenza da Alzheimer. Infine, grazie ad ulteriori progetti di ricerca torneremo a trattare fibromi uterini sintomatici, adenomiosi uterina, metastasi ossee dolorose oltre che alcuni tumori ossei primitivi ed estenderemo inoltre il campo di applicazione della FUS anche al tumore della prostata. È questo un ottimo esempio di come ricerca ed attività clinica siano un connubio indissolubile per una medicina sempre più personalizzata, di precisione e mini o non invasiva», dichiara il rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Massimo Midiri.

 

LA TECNICA
Il giorno del trattamento FUS, il paziente sarà fatto distendere sul lettino della risonanza con la testa assicurata ad un apposito casco che successivamente sarà riempito con dell’acqua opportunamente trattata per eliminare qualsiasi microbolla gassosa potenzialmente in grado di precludere la buona riuscita del trattamento. La mattina del trattamento il capo del paziente viene infatti completamente ed accuratamente rasato per evitare che anche la più piccola bolla d’aria possa rimanere intrappolata in prossimità dal cuoio capelluto e conseguentemente compromettere il passaggio degli ultrasuoni.
Durante le prime fasi del trattamento vengono acquisite delle immagini di Risonanza Magnetica ad alta risoluzione utilizzate per la pianificazione dell’intervento. Sebbene non sia previsto l’uso di alcun bisturi, si tratta di un vero e proprio intervento di neurochirurgia funzionale: il bersaglio del trattamento sono solitamente piccoli ma importantissimi centri nervosi localizzati in profondità nel cervello (es. nuclei talamici, sub-talamo e pallido). Queste aree mediano, ad esempio, la percezione del dolore o il controllo del movimento. Identificata la sede del trattamento, si inizierà a focalizzare gli ultrasuoni nel punto prefissato utilizzando però basse energie con l’obiettivo di indurre un beneficio clinico senza tuttavia danneggiare permanentemente il tessuto cerebrale. Durante il trattamento il paziente è sveglio e collabora costantemente con il medico. Quest’ultimo una volta che avrà identificato il bersaglio in grado di assicurare il miglior beneficio al paziente, utilizzerà ultrasuoni di energia via via crescenti così da creare una piccola area lesionale permanente in grado di dare immediato e duraturo beneficio al paziente. A termine della procedura, che mediamente dura circa due ore, il paziente viene tenuto in osservazione per un paio di giorni per poi tornare alle consuete attività giornaliere. A differenza di altre tecniche di neurochirurgia funzionale quali la radiochirurgia stereotassica con Cyber-Knife, non si utilizzano radiazioni ionizzanti (non vi è alcun rischio dovuto all’esposizione ad elevate dosi di radiazioni) e gli effetti del trattamento sono immediati (non è necessario aspettare diversi mesi affinché il paziente apprezzi un qualche miglioramento); rispetto ad esempio i più invasivi interventi d’impianto di elettrodi di stimolazione cerebrale profonda (Deep Brain Stimulation, DBS) il rischio di complicanze intra- e post-operatorie quali emorragie ed infezioni è virtualmente assente. Come accennato si tratta di un’innovativa procedura assolutamente non invasiva: le uniche lame che il paziente incontrerà il giorno del trattamento sono quelle dei rasoi utilizzati per epilare il capo. Un trattamento di questo tipo per anni è stato sognato dagli specialisti del settore; solo i più recenti avanzamenti tecnologici hanno consentito la realizzazione di un’apparecchiatura che oggi è in grado di assicurare un intervento non invasivo di altissimo livello sotto il profilo della precisione e della sicurezza e dai risultati immediati e duraturi.

 

Foto di copertina: Pixabay

 

Leggi anche i seguenti articoli
www.ilpapaverorossoweb.it/article/migliorando-la-qualità-dellaria-si-riduce-il-rischio-di-demenza
www.ilpapaverorossoweb.it/article/sempre-più-giovani-rischio-alzheimer-il-10-dei-casi-è-under-65

 

crowfunding adas

clicca e scopri come sostenerci